Calendario eventi

Margherita Antonelli, direttamente da Zelig, interpreta Orfea, donna semplice e piena d’amore, vedova di un centurione che vive a Gerusalemme nell’anno 0. La sua monotona vita verrà sconvolta quando due giovani sposi, Giuseppe e Maria, andranno ad abitare vicino a casa sua: Maria dà alla luce un figlio, Gesù, del quale Orfea comincerà presto ad occuparsi e che crescerà come fosse suo fino a vederlo morire e risorgere. La vita di Gesù è guardata con amorevolezza e buon senso, da una donna semplice e forte come Orfea: lei assiste alla crescita di questo Dio-Bambino, con la curiosità, la dolcezza, fermezza di molte madri che vorrebbero il meglio per il loro figlio. Lo difenderà, sosterrà, criticherà e si addolorerà al seguito di questo ragazzo, il “suo Gesù”, come una madre attenta e amorevole. Lo ascolterà sulla montagna, lo accudirà alla morte, e si rallegrerà di questo Dio che mantiene le Promesse sino alla Resurrezione. In scena una cesta, che diverrà il lettino della figlia di Giairo, la tomba di Gesù e tanto altro ancora, e delle lenzuola che saranno la tovaglia delle nozze di Cana, il lembo del mantello dell’emorragica, il sudario di Gesù, uno sgabello e un tavolo. Oggetti semplici, per un Dio che ha usato pochi grani di senape, una pecorella, delle lanterne e poco altro per spiegare la grandezza del Padre.
Una visione, quindi, dei fatti del Vangelo, rivisitati e teneramente riletti da una donna semplice, concreta, che è metafora della Fede, quella fede in un dio fattosi bimbo, ragazzo, adolescente e adulto.
Una fede, quella di Orfea, fatta di cibo preparato con cura, di acqua presa alla fontana, di rimproveri benevoli, di cammini lunghi per ascoltarlo, di discussioni con gli scribi, di domande profonde per difendere questo ragazzo un “po’ strano!”.
Un binomio tra fede e verità, tra amore e rispetto, tra unione e accettazione del ‘diverso’, che diventa manifesto di questa società, sì in continua e accelerata evoluzione, ma tanto bisognosa di valori semplici e universali.